Cura del tatuaggio: i consigli degli esperti

Prendersi cura del tatuaggio è fondamentale sin dai primi momenti che seguono l’esecuzione: non solo per scongiurare il rischio di contrarre infezioni, ma anche per lasciar guarire la pelle in maniera ottimale e preservare la bellezza del tatuaggio.

 

Terminata l’esecuzione, il tatuatore pulirà e disinfetterà la porzione di pelle tatuata. La pelle risulterà arrossata e probabilmente stressata, ragion per cui applicherà una crema specifica dalla funzione calmante, lenitiva e antibatterica specifica per la cura del tatuaggio. Subito dopo, il tatuaggio verrà coperto con una garza protettiva che preserverà la ferita dall’aggressione di agenti esterni. Dopo alcune ore, da due a quattro (dipenderà dall’estensione del tatuaggio) potrai rimuovere il bendaggio e procedere al lavaggio. Sarà ora necessario lavare il tatuaggio accuratamente, utilizzando acqua tiepida o fredda e un detergente ipoallergenico che non alteri il Ph della pelle. Questa operazione servirà a rimuovere i residui di colore in eccesso. Il consiglio degli esperti è di utilizzare solo le mani, effettuando un massaggio delicato.

Dopo aver tamponato la pelle con un panno pulito e averla lasciata respirare per qualche minuto, dovrai applicare un leggero strato di crema (che ti sarà consigliata dal tatuatore), massaggiando fino ad assorbimento. Dovrai ripetere queste operazioni almeno tre volte al giorno, per un lasso di tempo che va dai 6 ai 15 giorni, durante i quali – a seconda della grandezza del tatuaggio – la pelle si rigenererà. In questa fase, è consigliabile mantenere la pelle ben idratata e non grattare via le crosticine che via via andranno formandosi.

Cosa evitare durante la fase di guarigione del tatuaggio?

Oltre agli accorgimenti su citati, ci sono alcuni divieti di cui tenere conto per non rovinare il tatuaggio appena eseguito.

In questa fase, è consigliabile evitare di bagnarsi in piscina, entrare a contatto con l’acqua di mare, frequentare bagni turchi e saune. L’eccessiva umidità può infatti compromettere la cicatrizzazione della pelle e rischia di far scolorire il tatuaggio. Inoltre, agenti chimici come il cloro e batteri e impurità potrebbero causare pericolose infezioni.

Bisogna inoltre evitare l’esposizione solare e alle lampade abbronzanti. Anche a guarigione terminata, il tatuaggio dovrà essere preservato dal sole, che ne favorisce lo scolorimento e accelera l’invecchiamento. Per questo motivo, dovrai usare un fattore di protezione solare alto sulla pelle tatuata.

Per qualunque dubbio o delucidazione, non avere timori e contatta il tuo tatuatore e il tuo dermatologo di fiducia: la bellezza di un tatuaggio passerà anche – e soprattutto – dalla cura che ne avrai.

L'e-shop di Narcisia non è ancora pronto. Il catalogo è in aggiornamento, pertanto nessun ordine sarà evaso. Il Team di Narcisia Fashion SPA Ignora